BRITISH AIRWAYS METTE IN PALIO 240 BIGLIETTI AEREI

Pubblicato da il 26 giugno 2012 15:14

Condividi questo articolo

Commenta

SUPPORTERS E MEDAGLIE: BRITISH AIRWAYS METTE IN PALIO 240 BIGLIETTI AEREI PER AMPLIARE LA TIFOSERIA NAZIONALE

· Lesquadre che giocano in casa raggiungono in media il 25% in più di successisportivi
· NeiGiochi Olimpici di Barcellona (1992), la Spagna superò del 500 % ilnumero di medaglie vinte

L’articolo prosegue dopo il video

rispetto l’edizione precedente.
· Unostudio condotto dall’Università di Harvard dimostra che per ogni 100.000tifosi, le squadre di calcio che giocano in casa riescono a segnarein media un goal in più

E’ allaluce di tutte queste curiose considerazioni ed evidenze che British Airwaysha da poco lanciato “Flying Britain Home”, un’iniziativa moltosingolare che, sfruttando il potere virale dei social network, mira a rimpolparele fila delle tifoserie nazionali in vista dei prossimi Giochi Olimpicidi Londra. La compagnia aerea, infatti, attraversoun concorso su facebook, ha messo a disposizione un totale di 240 bigliettiaerei in partenza da 20 diverse destinazioni mondiali – per riportarea casa centinaia di cittadini inglesi entro l’estate. Lo scopo è quellodi incrementare la base di supporters a sostegno dei connazionali impegnatinei Giochi Olimpici e aumentare le chances di vittoria per gli atleti britannici.In particolare torneranno in patria 12 fortunati cittadini britannici perdestinazione, e questa iniziativa vede coinvolta anche l’Italia con partenzedall’aeroporto di Roma Fiumicino. Sembrerebbe provato da varie ricercheche i vantaggi di poter giocare in casa in occasione dei principali eventisportivi sono da tempo riconosciuti. Ad esempio le ricerche condotte dallaHarvard University hanno rivelato che per ogni 100.000 tifosi in più, unasquadra di calcio riesce in media a segnare un goal in più, non solo, lestesse ottengono in media più calci di rigore. Alla Sheffield Hallam University sonostati analizzati oltre 10.000 tra Campionati Mondiali ed Europei, relativamentea 14 discipline sportive. Lo studio ha dimostrato che le nazioniche ospitano l’evento sportivo in questione, in media raggiungono il 25%in più sulla performance finale. I dati relativi alle ultime sei Olimpiadimostrano chiaramente che le nazioni ospitanti aumentano significativamentela loro quota totale di medaglie rispetto alle edizioni precedenti. Inquesto caso, l’unica nazione a fare eccezione sono stati gli Stati Uniti. Tra gli esempi più lampanti, c’è indubbiamentela Spagna che nel 1992 è riuscita a migliorare il suo risultato complessivodel 500%. Qui di seguito la percentuale dellemegaglie ottenute nell’anno in cui i Paesi hanno ospitato i Giochi Olimpici: Corea del Sud – percentualedelle medaglie vinte – la Corea del Sud ha ospitato le Olimpiadinel 1988 1988 - 4,47% 1992 - 3,56% 1996 - 3,21% 2000 - 3,03% 2004 - 3,23% 2008 - 3,24% Spagna - percentualedelle medaglie vinte – la Spagna ha ospitato le Olimpiadinel 1992 1988 – 0.54% 1992 – 2.70% 1996 – 2.02% 2000 – 1.19 % 2004 – 2.05 % 2008 – 1.88 % USA - percentuale delle medaglievinte – gli USA hanno ospitato le Olimpiadi nel 1996 1988 – 12.72% 1992 – 13.25% 1996 – 12.00% 2000 – 9.84% 2004 – 10.98% 2008 – 11.48% Australia percentuale delle medaglievinte – l’ Australia ha ospitato le Olimpiadi nel 2000 1988 – 1.89% 1992 – 3.31% 1996 – 4.87% 2000 – 6.27% 2004 – 5.27% 2008 – 4.80% Grecia - percentuale delle medaglievinte – la Grecia ha ospitato le Olimpiadi nel 2004 1988 – 0.14% 1992 – 0.25% 1996 – 0.95% 2000 – 1.41% 2004 – 1.72% 2008 – 0.42% Cina - percentuale delle medaglievinte – la Cina ha ospitato le Olimpiadi nel 2008 1988 – 3.79% 1992 –6.63% 1996 –5.94% 2000 –6.38% 2004 – 6.78% 2008 – 10.44%

Guarda anche questi siti

Rispondi